Luoghi

CONVITTO NAZIONALE «MARIA LUIGIA»

Convitto Maria Luigia - Maria Luigia 2016

Dopo aver aiutato i due collegi di educazione per aristocratici attivi a Parma, Maria Luigia decide nel 1831 di riunirli in un unico istituto, per far fronte al calo di iscritti e di entrate: nasce così il Collegio «Maria Luigia», i cui allievi porteranno le iniziali della duchessa ricamate sulla divisa.

Fusi il prestigioso Collegio dei Nobili e il Collegio Lalatta, la Duchessa incarica i Barnabiti di impartirvi un’educazione completa, con tanto di corsi di calligrafia, equitazione, scherma, ballo, pittura, architettura, ornato, musica strumentale e lingue straniere. Quaranta borse di studio, erogate dalla Casa ducale, dallo Stato, dai comuni di Parma, Piacenza e Guastalla, e in parte dalle antiche rendite del Collegio Lalatta, garantiscono le rette anche ai meno abbienti. Tra 1836 e 1842, l’aumento degli alunni impone l’aggiunta di due vasti corpi di fabbrica, su progetto di Nicolò Bettoli. Costato oltre 100.000 lire all’erario dello Stato, nel 1896 sarà convertito in Convitto Nazionale.